Categorie
Tecnologia

Economia collaborativa in vacanza: 5 nuovi modi di viaggiare

L’economia del futuro è alle porte e la sua regola fondamentale è: condividere non possedere.

La sharing economy ha rivoluzionato la nostra vita di tutti i giorni: ci spostiamo con BlaBlaCar, guardiamo film e programmi su Netflix e ordiniamo la cena con Deliveroo.

Non siamo più obbligati a comprare un vestito per quell’evento speciale, possiamo noleggiarlo a 1/3 del prezzo dal nostro cellulare.

Condividere è diventato sinonimo di risparmiare o addirittura guadagnare. La nuova regola non vale solo nella nostra vita quotidiana, ma anche al momento di prenotare la vacanze.

Sempre meno persone si rivolgono ad agenzie viaggi e sempre più si affidano ad Internet per le proprie prenotazioni, data la vasta scelta presente online. Airbnb, EatWith, HomeExchange sono solo alcune delle piattaforme online che hanno completamente trasformato il nostro modo di viaggiare.

Airbnb

Airbnb è stato il primo a cambiare le carte in tavola nel settore travel. Con questa applicazione è possibile noleggiare per un periodo di breve o lunga durata una stanza a casa di qualcuno o, se si preferisce, un’intera abitazione.

Si fa tutto online, basta ricercare il luogo, prenotare l’alloggio per il tempo desiderato e mettersi in contatto con l’host per le operazioni di check in e check out.

Facile e veloce e senza dubbio molto più familiare di prenotare una fredda stanza d’hotel. Gli host Airbnb sono di solito persone molto aperte e cordiali, disponibili a condividere i migliori consigli sulle destinazioni da visitare.

Da qualche anno Airbnb ha introdotto anche la funzione Esperienze che permette di scegliere fra una vastissima selezione di attività come lezioni di yoga, surf, cucina, gite in barca ed escursioni ad alta quota: un pò per tutti i gusti!

HomeExchange

Ancora più conveniente di Airbnb è HomeExchange, un sito che permette di scambiare la propria casa con quella di qualcun altro in qualsiasi parte del mondo.

Tutto gratuitamente ad unica eccezione del costo di iscrizione alla piattaforma che è comunque molto basso. Non male eh? L’unico requisito necessario è quello di possedere una casa di proprietà, non essendo possibile scambiare casa da affittuari.

EatWith

Per chi è alla ricerca di esperienze culinarie uniche c’è EatWith. Cene in compagnia, gite al mercato tradizionale e cooking classes direttamente in compagnia di chef o amanti di cucina locali.

È il modo migliore per godere di una cucina autentica preparata con ingredienti del luogo, senza più cadere nelle classiche trappole turistiche. Dal food tour nel centro di Roma alla lezione di cucina greca a Santorini, un mondo di sapori si aprirà per voi.

GuideMeRight

Quale miglior guida turistica di qualcuno che vive in quel luogo? L’idea di GuideMeRight è geniale quanto semplice: mettere in contatto turisti con abitanti della città disponibili a fare da guida.

Un modo per conoscere i luoghi più tipici, i ristoranti più ricercati, le bellezze nascoste e, perché no? Fare amicizia.

Uber

Non ancora diffuso in Italia, ma ormai usatissimo in molti altri paesi, Uber è il nuovo sistema di trasporto che ci ha fatto dire addio per sempre ai taxi.

Infinitamente più economico e con molta più disponibilità di autisti ci permette di muoverci in sicurezza e velocità in qualsiasi luogo con il solo utilizzo dell’app sul cellulare. C’è da chiedersi come facevamo prima.