INFORMAZIONI E CONTATTI            
INFORMAZIONI E CONTATTI

Periodico registrato Trib.Milano, n° 362/05 Magazine informativo su stage e corsi professionali, finanziamenti alle imprese, opportunità di business e di lavoro MILANO,

HOME

FSE

FORMAZIONE

LAVORO

EUROPA

STAGE

FINANZIAMENTI

IMPRESA

HOME

FSE

FORMAZIONE

LAVORO

EUROPA

STAGE

FINANZIAMENTI

IMPRESA

PROFESSIONI ECONOMIA TECNOLOGIA AMBIENTE  DESIGN  TURISMO   SPORT   LIFESTYLE
PROFESSIONI
ECONOMIA
TECNOLOGIA
AMBIENTE
 DESIGN 
TURISMO
  SPORT  
LIFESTYLE

CHIUDI ☒  


FINANZIAMENTI PERSONALI

Il prestito personale è un prodotto di credito al consumo che prevede il finanziamento di una somma prefissata ad un tasso di interesse in genere fisso e rimborsabile secondo un piano di ammortamento a rate costanti.
Rientra nella categoria dei prestiti non finalizzati cioè in quelle operazioni di finanziamento non direttamente collegate all'acquisto di uno specifico bene o servizio. Quindi, a differenza di quanto accade nei prestiti finalizzati, non entra in gioco la figura del convenzionato, ma il contratto di credito è concluso direttamente tra finanziatore e richiedente. Di conseguenza, se la richiesta di finanziamento viene accettata, l'erogazione della somma pattuita avviene direttamente nelle mani del consumatore, e non ad una terza parte (il dealer, appunto).
Manca anche la presenza di un bene o servizio acquistato che possa fungere da garanzia per l'insolvenza del debitore, cosa che rende questo prodotto piuttosto rischioso per l'istituto finanziatore. Il prestito non finalizzato, infatti, non prevede la presenza di garanzie reali (come un bene acquistato), anche se può capitare che la società finanziatrice richieda delle garanzie personali come la firma di un coobbligato o una fideiussione.
Il prestito personale è un prodotto normalmente concesso dalle banche e dalle società finanziarie specializzate, e gli importi finanziabili possono variare da un minimo di 1000 € a un massimo di 30000 €.
In genere la concessione di un prestito personale non è subordinata alla presentazione di garanzie reali (ovvero diritti di pegno o ipoteca su cose di proprietà del richiedente).
Può accadere tuttavia che in alcuni casi, al fine di minimizzare il rischio di insolvenza, le banche o finanziarie sottopongano al richiedente un contratto di credito che prevede la cambializzazione delle rate, la fornitura di una garanzia particolare (per esempio l'autorizzazione preliminare a cedere una parte del proprio stipendio in caso di mora), oppure ancora un'unica cambiale a garanzia, in grado di garantire una parte o l'intero ammontare erogato.
Un'altra forma di garanzia che può essere prevista è la firma di un coobbligato o di un terzo fideiussore, che si faccia garante del buon esito dell'operazione. Certo è che, a fronte di una richiesta per un certo importo da parte di un consumatore, il fatto che possano essere richieste garanzie personali, come la firma di un garante o la fornitura di una fideiussione, è da considerarsi abbastanza normale. Ad ogni modo, è difficile stabilire delle regole valide a priori e l'eventuale richiesta di garanzie dipende caso per caso dal profilo di rischio ( score) della singola operazione e del singolo richiedente.
Qui di seguito descriviamo alcuni aspetti che devono essere sempre valutati in prestito e che sono stabiliti per Legge.

  • il tasso di interesse praticato;
  • ogni altro prezzo e condizione praticati, inclusi i maggiori oneri in caso di mora;
  • l'ammontare e le modalità del finanziamento;
  • il numero, gli importi e la scadenza delle singole rate;
  • il tasso annuo effettivo globale (TAEG);
  • il dettaglio delle condizioni analitiche secondo cui il TAEG può essere eventualmente modificato;
  • l'importo e la causale degli oneri che sono esclusi dal calcolo del TAEG (se non è possibile indicare chiaramente queste spese, deve essere indicata una spesa realistica; oltre a questa somma, non ti potrà essere imposto alcun pagamento);
  • le eventuali garanzie richieste;
  • le eventuali coperture assicurative che ti venissero richieste e non incluse nel calcolo del TAEG.
    Come viene valutata una richiesta di finanziamento personale?
    Ecco alcuni criteri di valutazione specifici del prestito personale, utilizzati da Banche, Finanziarie specializzate, Social Lenders…
    Politiche di rischio
    Per le caratteristiche di maggiore rischiosità rispetto ad altri prodotti di credito, i parametri di accettazione applicati dagli istituti (quelli in base ai quali viene calcolato lo score) sono più stringenti ed essi potranno variare da istituto a istituto, in funzione del livello di rischio che ciascuno di questi intende assumersi;
    Importo del finanziamento
    Per importi di una certa entità (approssimativamente oltre i 10.000€ ) è probabile che gli istituti richiedano una delle garanzie descritte in precedenza;
    Livello di reddito
    L'accettazione delle richieste, soprattutto per importi elevati, è subordinata anche alla valutazione del livello di reddito del richiedente (e al rapporto tra reddito mensile e eventuale rata di rimborso).
    Affidabilità creditizia
    Grande importanza ha, infine, l'apprezzamento dell'affidabilità creditizia del richiedente: è importante sottolineare che questa valutazione non ha alcun significato “morale”. Gli istituti si limitano a stimare il livello di rischio connesso alla sua richiesta, e lo fanno analizzando il rapporto di credito fornito dalle Centrali Rischi.
    Se la storia creditizia del richiedente presenta un record penalizzato da ritardi nei rimborsi di precedenti finanziamenti, rapporti insoluti, ecc., è improbabile che la richiesta possa avere esito positivo. In questi casi, per chi ha un lavoro dipendente, una valida alternativa è costituita dal Prestito dipendenti, (Cessione del V° ) prodotto che offre interessanti garanzie all'istituto finanziatore e consente di adottare criteri di valutazione più elastici.

  • CHIUDI ☒  


    CORSI FINANZIATI


    CORSI PROFESSIONALI


    CORSI ON-LINE


    STAGE E TIROCINI


    BANDI E CONTRIBUTI


    OFFERTE DI LAVORO


    LAVORARE IN EUROPA


    VIAGGIARE IN EUROPA


    OPPORTUNITA' DI BUSINESS


    CONSULENZA D'IMPRESA


    PREVIDENZA SOCIALE






     

    FINANZIAMENTI

     

    Pagina: 1 .


    PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO NELLA UE

    In sede comunitaria sono disponibili sovvenzioni dirette della Commissione europea o delle sue agenzie esecutive per progetti con obiettivi specifici (ambiente, ricerca, formazione, ecc.)
    e finanziamenti indiretti da parte di intermediari nazionali e locali.
    Quali condizioni si applicano?
    Le sovvenzioni erogate direttamente dalla Commissione:

  • servono da finanziamento complementare, l'UE non finanzia progetti al 100%
  • intendono aiutare i progetti ad ottenere un equilibrio finanziario; non possono risultare in un utile per il beneficiario
  • non possono essere erogate retroattivamente a progetti già conclusi
  • sono destinate ad un singolo progetto e non possono essere integrate da altre sovvenzioni analoghe.
    Chi può candidarsi? ...CONTINUA
    FINANZIAMENTI ALL'EXPORT

    Finanziamenti agevolati delle spese per l'apertura di strutture all'estero per il lancio e la diffusione di nuovi prodotti e servizi o l'acquisizione di nuovi mercati.
    (nei limiti ed alle condizioni previste dal Regolamento CE n.1998/2006 della Commissione Europea del 15.12.2006, relativo agli aiuti di importanza minore "De minimis").
    Art.6 comma 2, lettera a, del Decreto Legge 25.6.2008, n.112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n.133.
    Finalità:
    Finanziamento a tasso agevolato delle spese sostenute nella realizzazione di programmi, con caratteristiche di investimento, volti a costituire insediamenti durevoli in Paesi non membri dell'Unione europea.
    Beneficiari:
    Imprese con sede legale in Italia.
    Hanno priorità sui fondi le piccole e medie imprese - PMI - in caso di carenza di risorse del Fondo 394/81.
    Ai fini della classificazione delle PMI, sono adottati i parametri definiti dal Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18.4.2005 di adeguamento dei criteri di individuazione delle PMI alla disciplina comunitaria (Raccomandazione della Commissione Europea  2003/361/CE).
    Non sono finanziabili i programmi posti in essere da imprese appartenenti ai settori di cui all'art. 1, comma 1, lettere a), b), c), ed f) del Regolamento CE 1998/2006 "de minimis". ...CONTINUA

    IL FONDO VENTURE CAPITAL

    Per supportare gli investimenti in aree geografiche ritenute strategiche per l'internazionalizzazione del sistema produttivo italiano, quali Cina, Balcani, Africa e Medio Oriente, Russia e Paesi Caucasici, India e paesi del Sud Est asiatico colpiti dallo tsunami, America Centrale e Meridionale, lo Stato nel 2004 ha costituito dei Fondi pubblici di Venture Capital distinti per area geografica.
    Questo strumento si aggiunge alla normale quota di partecipazione della SIMEST SpA all'iniziativa effettuata sulla base della Legge 100/90 e, per quanto riguarda l'area balcanica, alla quota partecipata ai sensi della Legge 19/91.
    L'Amministrazione ha incaricato della gestione dei fondi la SIMEST SpA e, per quanto riguarda il Fondo Balcani, la FINEST SpA. ...CONTINUA

    FONDO CENTRALE DI GARANZIA

    Il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e operativo dal 2000.
    La sua finalità è quella di favorire l'accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali  portate dalle imprese.
    Rivolgendosi al Fondo centrale di Garanzia, pertanto, l'impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo.
    Secondo le ultime rilevazioni, oltre il 99% delle imprese ha avuto accesso al finanziamento con la copertura del Fondo Centrale in assenza della presentazione di garanzie reali. ...CONTINUA

  • FONDO NAZIONALE PER L'INNOVAZIONE

    Il Fondo Nazionale per l'Innovazione (FNI) è uno strumento rivolto alle micro, piccole e medie imprese per consentire loro di accedere a risorse finanziarie per l'innovazione, sotto forma di partecipazione al capitale di rischio o di finanziamenti agevolati in assenza di garanzie.
    Gli interventi del FNI sono attuati attraverso la compartecipazione delle risorse pubbliche in operazioni progettate, co-finanziate e gestite da intermediari finanziari, società di gestione del risparmio e banche.
    Il Fondo presenta due linee di attività, dedicate:
    • al capitale di rischio, ossia a investimenti in società di capitale (solo per brevetti per invenzione industriale)
    • al capitale di debito, ossia a finanziamenti agevolati (per brevetti per invenzione industriale e per disegni e modelli industriali registrati).
    Per la partecipazione nel capitale di rischio di micro, piccole e medie aziende che realizzano programmi di investimento finalizzati alla valorizzazione economica di un brevetto per invenzione industriale, il Ministero dello Sviluppo Economico ha costituito un fondo mobiliare chiuso denominato IPGEST, di 40,9 milioni di euro. La SGR di riferimento è INNOGEST, alla quale ci si deve rivolgere per l'accesso alla linea. 
    Come funziona ...CONTINUA

    FONDO START-UP

    Il Fondo Start Up è un fondo rotativo nato con l'obiettivo di rafforzare il sostegno pubblico alle PMI nel loro processo di internazionalizzazione.
    Il nuovo strumento è finalizzato a favorire la fase di avvio (start-up) di progetti di internazionalizzazione di imprese singole o aggregate. Si concretizza nella partecipazione del Fondo al capitale sociale di società costituite ad hoc (NewCo) con sede sociale in Italia (o in altro Paese UE qualora necessario per lo sviluppo del progetto).
    Con il D.M. 4.3.2011 è stato adottato il Regolamento recante i criteri generali per gli interventi a valere sul Fondo Start Up. ...CONTINUA

    FINANZIAMENTI PERSONALI

    Il prestito personale è un prodotto di credito al consumo che prevede il finanziamento di una somma prefissata ad un tasso di interesse in genere fisso e rimborsabile secondo un piano di ammortamento a rate costanti.
    Rientra nella categoria dei prestiti non finalizzati cioè in quelle operazioni di finanziamento non direttamente collegate all'acquisto di uno specifico bene o servizio. Quindi, a differenza di quanto accade nei prestiti finalizzati, non entra in gioco la figura del convenzionato, ma il contratto di credito è concluso direttamente tra finanziatore e richiedente. Di conseguenza, se la richiesta di finanziamento viene accettata, l'erogazione della somma pattuita avviene direttamente nelle mani del consumatore, e non ad una terza parte (il dealer, appunto). ...CONTINUA

    PRESTITO D'ONORE

    La Legge 608/96 prevede il prestito d'onore finalizzato ad incentivare la nuova imprenditoria. Attraverso questo strumento lo Stato fornisce agevolazioni finanziarie senza chiedere garanzie personali a fronte di un'idea imprenditoriale "interessante" e "fattibile".
    Nato inizialmente per le sole regioni del Sud, con uno dei provvedimenti del cosiddetto Pacchetto Treu, nel 1998 è stato esteso alle regioni del Centro Nord.
    Destinatari del prestito d'onore sono i disoccupati e gli inoccupati da almeno sei mesi, di età superiore ai 18 anni, residenti alla data del 3 ottobre 1996 nelle regioni Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, oppure alla data del 1 gennaio 2000 nella regione Abruzzo, oppure alla data del 1 gennaio 1998 nelle aree del Centro Nord individuate dal Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 14 marzo 1995.
    Gli interessati devono dimostrare che nei sei mesi antecedenti alla data di presentazione della domanda di contributo non siano stati lavoratori dipendenti (anche se con contratto part time, a tempo determinato o in cassa integrazione), liberi professionisti o imprenditori (ovvero titolari di Partita Iva), coadiutori di imprenditori, collaboratori coordinati e continuativi.
    Iniziative finanziabili: ...CONTINUA


    FINANZIAMENTI

    Pagina: 1 .

     
    E-SHOP


    SCRIVI ALLA REDAZIONE


    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER




    Vacanze in Europa

    Idee e opportunità  per le vostre vacanze.







    LINK UTILI









    Site owner:
    JV properties KFT
    VAT: HU23760750241

    Privacy & Cookies Policy


    Powered by MMS © EUROTEAM


    FINANZIAMENTI    

    Pagina: 1 .

    PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO NELLA UE

    In sede comunitaria sono disponibili sovvenzioni dirette della Commissione europea o delle sue agenzie esecutive per progetti con obiettivi specifici (ambiente, ricerca, formazione, ecc.)
    e finanziamenti indiretti da parte di intermediari nazionali e locali.
    Quali condizioni si applicano?
    Le sovvenzioni erogate direttamente dalla Commissione:

  • servono da finanziamento complementare, l'UE non finanzia progetti al 100%
  • intendono aiutare i progetti ad ottenere un equilibrio finanziario; non possono risultare in un utile per il beneficiario
  • non possono essere erogate retroattivamente a progetti già conclusi
  • sono destinate ad un singolo progetto e non possono essere integrate da altre sovvenzioni analoghe.
    Chi può candidarsi? ...CONTINUA
    FINANZIAMENTI ALL'EXPORT

    Finanziamenti agevolati delle spese per l'apertura di strutture all'estero per il lancio e la diffusione di nuovi prodotti e servizi o l'acquisizione di nuovi mercati.
    (nei limiti ed alle condizioni previste dal Regolamento CE n.1998/2006 della Commissione Europea del 15.12.2006, relativo agli aiuti di importanza minore "De minimis").
    Art.6 comma 2, lettera a, del Decreto Legge 25.6.2008, n.112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n.133.
    Finalità:
    Finanziamento a tasso agevolato delle spese sostenute nella realizzazione di programmi, con caratteristiche di investimento, volti a costituire insediamenti durevoli in Paesi non membri dell'Unione europea.
    Beneficiari:
    Imprese con sede legale in Italia.
    Hanno priorità sui fondi le piccole e medie imprese - PMI - in caso di carenza di risorse del Fondo 394/81.
    Ai fini della classificazione delle PMI, sono adottati i parametri definiti dal Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18.4.2005 di adeguamento dei criteri di individuazione delle PMI alla disciplina comunitaria (Raccomandazione della Commissione Europea  2003/361/CE).
    Non sono finanziabili i programmi posti in essere da imprese appartenenti ai settori di cui all'art. 1, comma 1, lettere a), b), c), ed f) del Regolamento CE 1998/2006 "de minimis". ...CONTINUA

    IL FONDO VENTURE CAPITAL

    Per supportare gli investimenti in aree geografiche ritenute strategiche per l'internazionalizzazione del sistema produttivo italiano, quali Cina, Balcani, Africa e Medio Oriente, Russia e Paesi Caucasici, India e paesi del Sud Est asiatico colpiti dallo tsunami, America Centrale e Meridionale, lo Stato nel 2004 ha costituito dei Fondi pubblici di Venture Capital distinti per area geografica.
    Questo strumento si aggiunge alla normale quota di partecipazione della SIMEST SpA all'iniziativa effettuata sulla base della Legge 100/90 e, per quanto riguarda l'area balcanica, alla quota partecipata ai sensi della Legge 19/91.
    L'Amministrazione ha incaricato della gestione dei fondi la SIMEST SpA e, per quanto riguarda il Fondo Balcani, la FINEST SpA. ...CONTINUA

    FONDO CENTRALE DI GARANZIA

    Il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e operativo dal 2000.
    La sua finalità è quella di favorire l'accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali  portate dalle imprese.
    Rivolgendosi al Fondo centrale di Garanzia, pertanto, l'impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo.
    Secondo le ultime rilevazioni, oltre il 99% delle imprese ha avuto accesso al finanziamento con la copertura del Fondo Centrale in assenza della presentazione di garanzie reali. ...CONTINUA


    FINANZIAMENTI    

    Pagina: 1 .



  • CORSI FINANZIATI


    CORSI PROFESSIONALI


    CORSI ON-LINE


    STAGE E TIROCINI


    BANDI E CONTRIBUTI


    OFFERTE DI LAVORO


    LAVORARE IN EUROPA


    VIAGGIARE IN EUROPA


    OPPORTUNITA' DI BUSINESS


    CONSULENZA D'IMPRESA


    PREVIDENZA SOCIALE






    E-SHOP


    SCRIVI ALLA REDAZIONE


    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER




    Vacanze in Europa

    Idee e opportunità  per le vostre vacanze.







    LINK UTILI









    Site owner:
    JV properties KFT
    VAT: HU23760750241

    Privacy & Cookies Policy


    Powered by MMS © EUROTEAM